Ikigai e Kintsugi | L’arte giapponese di abbracciare la bellezza delle cicatrici – Faenza

Seminario con Sauro Tronconi a Faenza
Domenica 30 giugno, dalle 9.30 alle 18:00

“Lo Zen è la pratica di raggiungere un completo risveglio (o illuminazione) per vedere nella propria natura vera.”
Suzuki D.T

La filosofia giapponese del Kintsugi, che significa “giunzione d’oro”, e il concetto di Ikigai, o “la ragione di essere”, insieme offrono una prospettiva profonda sulla vita che celebra le imperfezioni e trova significato nelle sfide. Il Kintsugi non è solo una tecnica di riparazione, ma una metafora della resilienza umana, trasformando gli oggetti rotti in opere d’arte uniche, valorizzando le cicatrici con oro, argento o platino. Questa pratica riflette l’accettazione della transitorietà e dell’imperfezione, incoraggiando a trovare bellezza e valore nelle esperienze di vita.

Ikigai, d’altro canto, ci guida a scoprire e perseguire la nostra passione, abilità, e contributo al mondo in un modo che ci porta gioia e soddisfazione. È l’intersezione armoniosa di ciò che amiamo, di ciò in cui siamo bravi, di ciò di cui il mondo ha bisogno e di ciò per cui possiamo essere ricompensati.

Questo principio motiva non solo la ricerca della felicità personale ma anche il contributo al benessere collettivo, suggerendo che l’equilibrio e l’armonia emergono dall’allineare le nostre passioni e talenti con le necessità degli altri.

L’integrazione dello Zen nel contesto del Kintsugi e dell’Ikigai porta a una comprensione più profonda della nostra esistenza. Lo Zen, che enfatizza l’esperienza diretta e la comprensione personale attraverso la pratica della meditazione e altre pratiche spirituali, ci insegna a superare il pensiero duale e ad accettare la realtà così com’è. Questa presa di coscienza ci permette di vivere pienamente nel momento presente, scoprendo una connessione profonda con il nostro sé autentico e l’essenza dell’esistenza.

L’armoniosa fusione tra lo Zen e l’Ikigai evidenzia un percorso di vita in cui la comprensione si traduce in azione. Questa sinergia ci incoraggia a mantenere una visione chiara e a utilizzare la nostra creatività per superare le sfide, trovando gioia e significato nel nostro contributo al mondo. Il percorso verso il proprio Ikigai diventa quindi un viaggio di costante scoperta e rinnovamento, dove ogni momento e ogni sfida sono visti come opportunità per crescere e innovare.

In questo contesto, ciò che appare rotto o disallineato offre il potenziale per una trasformazione significativa. Non si tratta solo di riparare, ma di rivelare qualità inaspettate che elevano il valore spirituale ed estetico dell’esistente. Attraverso questo processo, impariamo che le nostre “crepe” e le esperienze di vita “rotte” possono essere fonti di crescita personale e scoperta del proprio Ikigai.

Percorrere questo cammino significa abbracciare ogni aspetto dell’esistenza come un’opportunità di esprimere la nostra essenza più profonda, trasformando la routine quotidiana in un’arte vissuta. In questo modo, Kintsugi, Ikigai e lo Zen si intrecciano in una filosofia di vita che invita a vedere oltre le fragilità, riconoscendo che è attraverso le nostre imperfezioni e le nostre sfide che possiamo scoprire la nostra vera essenza e contribuire in modo unico al tessuto del mondo.


(Per informazioni ed iscrizioni rivolgersi all’organizzatore dell’evento – vedi riquadro)

  • 00

    giorni

  • 00

    ore

  • 00

    minuti

  • 00

    secondi

Data

Giu 30 2024

Ora

9:30 - 18:00

Luogo

Faenza
Espande Academy Aps

Organizzatore

Espande Academy Aps
Telefono
3482330505
Email
espandeacademyaps@gmail.com

I commenti sono chiusi.